martedì 20 dicembre 2016

Emersione

Dal nero degli occhi delle pupille
al nero del fondo degli oceani
il passo è breve
se a compierlo sono io
e se gli occhi sono tuoi
ho giocato invano a fare l'equilibrista
fra le colonne d'ercole
fra la tua iride e il tuo sorriso
ora cado
stendimi una mano
o sarò prigioniero del tuo cuore

Emersione
dai tuoi occhi
un mondo nuovo
ora vedo
disgustato
mi sono illuso
l'oceano del mio amore
ha coperto la pochezza dei tuoi fondali fangosi
sono un pesce che si dibatte
ora che il sole ha rivelato
gli ziggurat maleodoranti
del fondo dell'oceano
odorano di pesce marcio
l'oceano dell'amore
si riversa sempre per nascondere la bruttezza dell'amato
ahimè quando il fondale grigio
si rivela alla luce impietosa del sole.

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.