sabato 8 aprile 2017

Shangai

Il mondo era vasto
prima di conoscerti
prima di aspettare il risveglio
sotto cieli eternamente nebbiosi
prima varcare confusi
un mondo di acciaio e vetri luminosi
di torri  altissime in spregio alla luna
di cieli luminescenti in spregio alla notte
ho fatto l'ingresso in questo mondo senza numeri
perchè non è più possibile contare i suoi abitanti
di loft comodi sospesi in una sera eterna
il tempo scandito da orologi elettronici
da semafori sulle strade
ero perso come goccia di pioggia
che scivola su vetri di finestre
prima di incontrarti
a Shangai

1 commento:

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.