sabato 21 gennaio 2017

Torino post-industriale

Camminare per zone industriali
neve negli angoli più riposti
capannoni
i vetri rotti dei finestroni
un orizzonte rosso in lontananza
le montagne indossano un soprabito grigio di smog
il Monviso sovrasta tutto e buca la trama di lana grigia
tir polacchi si fermano
presso negre sedute di fronte a un fuoco
tutto sembra morto come l'erba gialla e i rovi
che presiedono sovrani
in una chernobyl
senza esplosioni nucleari.
Asfalto divelto, acqua nelle buche
dove neon si riflettono caleidoscopici,
a formare universi autonomi.
Industrie sedi del nulla
producono solo cascate di luce artificiale
e coltellate improvvise di antifurti
che ti tagliano lo stomaco
lasciandoti subito le orecchie e la testa vuota
mentre il loro suono si disperde nella città
e cani che abbaiano in lontananza.
Sopra di te
immensi cieli blu gelidi.
Senza nuvole a tenerti compagnia
mi sento ancora più triste,
come vorrei un temporale
mille fulmini e bagliori
come vorrei una giornata d'estate
sarebbe una maschera di carnevale
su questo manichino di ghiaccio
danzeremo insieme
un tango metropolitano
di finta passione
tra mille gocce
e i fulmini che le accendono in un bagliore
fingeremo di essere vivi in una città vera,
ma rigide come la morte
lampade a led
illuminanano
questa camera necroscopica a cielo aperto
le sue finestre
occhi di morto immobili
mi fissano
come cadaveri in un obitorio.

7 commenti:

  1. No,ma ad essere onesti in una situazione del genere la colpa non è tanto della giunta ma della delocalizzazione selvaggia che ha desertificato il terreno industriale.

    RispondiElimina
  2. bene, il papi della appendino è uno che di delocalizzazioni se ne intende

    O_O

    RispondiElimina
  3. Io credo di aver già detto cosa penso del 5 stelle,non ho un'antipatia politica personale per il 5 stelle ma credo che tutte quelle forze politiche che considerano la lotta di classe un elemento ''superato'' del passato non possono affrontare i problemi di questa epoca.
    Non esiste una contrapposizione politici-cittadini,ma una contrapposizione ricchi-poveri,che poi questo ricco sia ricco perchè è governatore della Sicilia o perchè è Marck Zuckenberg per me non fa differenza,anzi Zuckenberg è peggio.

    RispondiElimina
  4. Fluoro , hai ricevuto un dono preziosissimo dalla vita ,
    ti auguro di trovare luoghi migliori dove esprimere questo tuo estro .
    Adiosu

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Roberto,però per chi vuole pubblicare poesia il mercato è chiuso lo devi fare a spese tue.

      Elimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.