sabato 3 giugno 2017

Sputnik

Variazioni goldberg
ai bordi della stratosfera
suonano cosmonauti sovietici
mai tornati alle steppe natie
mentre sento il loro ansimare
nel vuoto supremo
inghiotttiti dal nero superno
accecati dal cielo rovesciato
della grande sfera azzurra,
a memoria perenne
dell'hybris umana
che osò disturbare
gli dei oltre le nuvole
e confondere il cielo con la terra.

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.